venerdì 24 settembre 2021

Review Party: “Una maestra per Emerson Pass” di Tess Thompson


Oggi vi parlo del romanzo storico ambientato nel selvaggio West di inizio Novecento, nato dalla magnifica penna di Tess Thompson, intitolato Una maestra per Emerson Pass, primo volume autoconclusivo della serie Emerson Pass, tradotto e portato in Italia da Isabella Nanni di Doubleface Traduzioni.


Titolo: Una maestra per Emerson Pass
Autore: Tess Thompson
Traduttore: Isabella Nanni
Editore: Self Publishing
Genere: Historical Romance
Serie: Emerson Pass #1
Pagine: 332
Prezzo e-book: 4,99 €
Prezzo cartaceo: da definire
Data di uscita: 21 settembre 2021
Disponibile su Amazon e Kindle Unlimited (link di acquisto nel titolo)

Voto: ♕ ⭐⭐⭐⭐⭐ ♕

Trama:

Colorado, 1910. Quinn Cooper non può fare a meno di sentirsi a disagio. Ma assicurarsi un lavoro come maestra in una piccola città di frontiera lasciando la sua famiglia a Boston era l’unico modo per salvarli dalla fame. E la sua agitazione aumenta quando un colpo di pistola vagante spaventa i cavalli della slitta, gettandola nella neve... finché non viene salvata da un affascinante sconosciuto.
Lord Alexander Barnes sa bene che non può aspettarsi che una donna giovane e bella sia disposta a diventare madre di cinque bambini. Ma il solitario vedovo si ritrova affascinato dalla nuova arrivata e dal bel rapporto che instaura con la sua prole. E dopo che la loro burbera tata dà le dimissioni, gli si intenerisce il cuore quando Quinn assume con gioia quel ruolo.
Determinata a dare buona prova di sé come maestra e come governante, Quinn teme che la sua povertà impedisca al ricco lord inglese di corteggiarla. E tra la differenza d’età e la violenza a sfondo razzista in città, Lord Barnes è certo di non poter avere questa seconda possibilità di felicità. Il loro amore rimarrà inespresso, o la loro perseveranza li ricompenserà con una passione duratura?

Una maestra per Emerson Pass è il primo libro della serie di romanzi storici ambientati a Emerson Pass. Se vi piacciono i nobili galanti, le eroine forti e le sfumature di mistero, allora non potrete non amare questa deliziosa avventura di inizio secolo nel Selvaggio West.



Recensione


Quinn Cooper è una giovane donna che, per salvare la madre e la sorella dalla fame, decide di lasciare Boston per andare a fare la maestra in una piccola città di frontiera nel Colorado.
Il viaggio è stato lungo e faticoso, viaggiare da sola per una donna è sempre pericoloso ma Quinn è disposta a tutto pur di arrivare a Emerson Pass. Quando giunge a destinazione, tuttavia, le sue peripezie non sono ancora finite e quando un colpo di pistola spaventa i cavalli della slitta Quinn finisce nella neve perdendo conoscenza. Al suo risveglio conosce il suo datore di lavoro, Lord Alexander Barnes e i suoi cinque figli.
Quando Lord Barnes ha messo un annuncio cercando una maestra per la cittadina in cui vive, non si sarebbe mai immaginato che questa non solo fosse giovane e molto bella, ma che conquistasse immediatamente i suoi figli dimostrandosi assennata, di buon cuore e molto coraggiosa. Quando l’ultima tata dà le dimissioni ecco che Quinn decide di ricoprire il ruolo di maestra per i bimbi di Emerson Pass e anche quella di tata per i figli di Lord Barnes.
Tra Alexander e Quinn nasce immediatamente una bellissima amicizia fatta di rispetto e fiducia reciproca. L’amore sembra a portata di mano anche se la differenza di estrazione sociale e d’età potrebbe essere un problema. Inoltre, quando la tranquilla cittadina viene scossa da un atto di violenza a sfondo razzista Lord Barnes teme che le cose possano degenerare in fretta. L’amore riuscirà a trovare un modo per trionfare e riportare la serenità?
Sbirciai attraverso le finestre. La signorina Cooper era seduta alla cattedra con quattro bambini. Gli altri erano chini sui loro esercizi. Forse percependo la mia presenza, la signorina Cooper alzò la testa e mi vide. Imbarazzato di essere stato colto in flagrante alzai la mano per salutare. Lei sorrise e annuì. Giuro che mi sentii scoppiare il cuore in petto.

Una maestra per Emerson Pass è stata una lettura bellissima che mi ha conquistato completamente sin dalle primissime pagine. Nell’America della corsa all’oro e delle promesse infrante, la vita di una giovane maestra in cerca di un futuro migliore per sé e per la sua famiglia e un lord inglese che ha rinunciato a tutto per seguire la propria voglia di libertà si intersecano, dando vita a una bellissima collaborazione e a una forte alchimia fatta di rispetto e attrazione reciproca.
I due protagonisti mi sono piaciuti tantissimo, sono descritti e caratterizzati in modo eccelso, e poi insieme funzionano alla perfezione.
Quinn è una giovane donna che per il bene della madre e della sorella non esita a mettersi alla prova accettando un lavoro come maestra in un luogo di frontiera. Ho apprezzato tutto in lei: i suoi ideali, il suo buon cuore, la generosità e il grande coraggio. Crede ciecamente nel suo lavoro e ci si dedica anima e corpo, senza risparmiarsi mai.
Alexander è un nobile inglese che ha ceduto il titolo per inseguire la propria voglia di avventura e di libertà, e quando arriva a Emerson Pass, sente che quello sarà il posto perfetto per lui. Ed è qui che nasceranno i suoi cinque figli e che, purtroppo, resterà anche prematuramente vedovo. È un uomo dalla mentalità aperta, dai grandi ideali e con un grande senso dell’onore. Di carattere allegro e di buon cuore mi ha letteralmente affascinata con il suo stile inglese che si adatta perfettamente a quel West che ha tanto da offrire se si sa dove guardare.
Il rapporto tra Alexander e Quinn è fatto di complicità, d’ideali condivisi e di voglia di fare del bene al prossimo. Il loro amore cresce e si fortifica nel tempo. Per Alexander, Quinn rappresenta una seconda opportunità di essere felice e per Quinn, Alexander rappresenta il futuro che ha sempre desiderato.
L’attrazione che provano l’un l’altra non è solo fisica ma, soprattutto, mentale ed è un aspetto che mi è piaciuto moltissimo.
«Un giro in slitta accanto alla donna più carina della città.»
«Lord Barnes!» sussurrai, fingendo di essere inorridita dalla sua audacia.
«Non faccio altro che dire la verità, signorina Cooper.»
Turbata distolsi il viso e mi misi a guardare i fiocchi di neve danzare nell’aria gelida sorridendo tra me e me. se solo avesse saputo come mi batteva il cuore in sua presenza o quanto desideravo un bacio. Cosa mi stava succedendo?

Il bello di questo romanzo è che anche i personaggi secondari sono favolosi e descritti alla perfezione. I cinque figli di Lord Barnes hanno un ruolo molto importante e mi sono piaciuti moltissimo. L’autrice ha saputo dare grande lustro al rapporto tra Alexander e i propri figli, allo stesso tempo ha saputo esaltare anche i pregi e difetti di tutti gli abitanti di Emerson Pass. Ho amato tantissimo il maggiordomo Jasper e il bellissimo rapporto che Lord Barnes ha con lui e con chi è alle sue dipendenze. L’arrivo di Quinn a Emerson Pass rappresenta un punto di svolta non solo per lei e per la famiglia di Alexander, ma anche per tutti gli abitanti della florida cittadina che con i suoi pregi e difetti affascina e intimorisce.
Lo stile di scrittura di Tess Thompson mi è piaciuto moltissimo non solo perché è attento e molto curato, ma riesce anche a trasmettere molteplici emozioni. Sublime il lavoro di traduzione di Isabella Nanni che arricchisce ed esalta la penna dell’autrice.
Nel corso della lettura si ride, ci si commuove, si riflette e ci si innamora perdutamente dei protagonisti e di quei posti meravigliosi che la Thompson descrive. L’ambientazione ha un’enorme importanza, così come ho trovato bellissimi e perfetti i dialoghi che esaltano la psicologia dei due protagonisti.
Una particolarità interessante della narrazione è la presenza del doppio Pov narrato in prima persona. È rato trovare dei romanzi storici così strutturati e devo dire che questa variazione mi è particolarmente piaciuta.
La trama è ricca e corposa, ogni personaggio trova il suo spazio e la sua giusta dimensione nel corso del romanzo e la sottotrama, quel velo di suspense e di mistero mi è piaciuto particolarmente. Inoltre sono tantissimi gli argomenti che l’autrice affronta e lo fa con grande delicatezza e attenzione.
Sono certa che Alexander e Quinn resteranno nel mio cuore per sempre perché si sono ritagliati un posticino tutto loro e mi terranno compagnia negli anni a venire.
Il romanzo mi ha ricordato moltissimo una serie televisiva degli anni Novanta che amavo: “La signora del West”. Il periodo storico è diverso ma la magia è la stessa.
Non vedo l’ora di scoprire cosa ci riserverà questa serie che, per stessa ammissione dell’autrice sarà un po’ particolare e diversa dal solito. Ciò che fin da ora mi sento di poter affermare è che ha tutte le potenzialità per diventare una di quelle serie che non si scordano mai.
Ero la maestra di Emerson Pass. La prima insegnante in una città fatta dalla grinta e dal coraggio di uomini e donne che erano venuti in cerca di una vita migliore.

Prima di salutarvi e darvi appuntamento alla prossima recensione voglio ringraziare di cuore Isabelli Nanni non solo per la sua bravura e professionalità, ma anche perché mi sta permettendo di fare delle letture meravigliose e appassionanti.
Consiglio la lettura di Una maestra per Emerson Pass a tutte le amanti del genere storico e a chi sia alla ricerca di una storia che sappia arrivare dritta al cuore.
Buona lettura.

Voto



1 commento:

  1. Se ero già decisa dopo la tua recensione sono più che convinta di volere questo libro!

    RispondiElimina